La mortazza!!!! Non è solo un peccato bolognese, no no! Ricordo racconti di napoletanissimi spuntini luculliani fatti da mamma e zia, protagonisti i fragranti panini “marsigliesi”, mortadella a volontà e provolone semipiccante …vi è venuta fame eh??!!

Embè, oggi onoriamo quelle pause pranzo d’altri tempi – non si andava al Mc, nè al ristorante – preparando questo finger food, antipastino, secondo piatto sfizioso…

Perciò procuratevi:

  •  300 gr di macinato di maiale
  •  150 gr di mortadella con pistacchio
  •  80\100 gr di mollica di pane raffermo
  •  1 uovo
  •  1 scalogno piccolo
  •  sale e pepe q.b.
  •  pangrattato q.b.
  •  olio evo q.b. oppure olio di semi di arachide

 

01_polpettemortadella

 

Tritate la mortadella al coltello, comperatela comunque a fette, non in pezzo intero…è più buona e i pezzi più piccoli si amalgameranno meglio alla carne.
Ammollate il pane in acqua e strizzatelo bene bene e tritate finemente lo scalogno.

 

02_polpettemortadella

Impastate insieme carne, mortadella, scalogno, l’uovo, insaporite con sale e pepe e formate delle polpettine.

 

03_polpettemortadella

 

Passatele nel pangrattato pressando bene – se volete, potete aggiungere dei pistacchi al naturale tritati al pangrattato – e rosolatele in padella con olio evo, quindi finitele in forno a 180° per 5\10 minuti.

Altrimenti potete friggerle ad immersione in olio di arachide.
Servitele calde ma non roventi.

Vi piace il tonno sottolio? A me si, molto! Meglio se è quello in filetti, conservato nei vasetti di vetro……semplice così, in un fragrante panino, con una fresca insalatona o in polpettine!! Morbide e succulente…sono ottime anche come antipasto, aperitivo finger food o per un secondo piatto sfizioso in famiglia.
Procuratevi:
– 3 scatolette di tonno da 80 gr di buona qualità(quello a filetti mangiatelo a tocchi!)
– 150 gr di ricotta di mucca
– origano q.b.
– 1 mazzetto di prezzemolo
– 2 acciughe sottolio
– pangrattato q.b.
– pepe, sale q.b.

In un mixer potente mettete il tonno, ben sgocciolato (volendo potete utilizzare il tonno al naturale) , le acciughe, il prezzemolo e l’origano, una macinata di pepe e frullate bene riducendo in crema.

Mescolate la “pasta” così ottenuta alla ricotta, un pizzico di sale, e poco pangrattato all’occorrenza – se il composto dovesse risultare troppo molle.
Formate delle polpettine, anche schiacciate, avvoltolatele nel pangrattato e friggete in abbondante olio caldo o rosolatele in forno dopo averle irrorate con un filo di olio.
Buone buonissime 🙂 ancor di più se servite con un’insalata “amara” – indivia, scarola etc… – e cetriolo fresco

La crema di tonno ottenuta dal passaggio nel mixer potete usarla per dei fantastici tramezzini: pane bianco, crema di tonno e acciughe, insalata, cetriolo, cipolla rossa se vi va e…buon spuntino!

Moooorbiiideeeeeeeee…devo l’idea di questa ricetta ad uno spunto datomi dalla mia mamma.
Al tg di non so quale canale in non so quale giorno aveva sentito al volo di questa ricetta di non so quale chef … perciò: non è mia l’idea, ma l’ho ricostruita partendo dalla sua domanda “possibile che fossero delle polpette con dentro le patate al posto del pane?”.
Possibilissimo, perchè l’ho fatto, a modo mio 😉
Per 35\40 quenelle, comprate:
– 400 gr di carne macinata, io ho preso quella di maiale
– 300 gr di patate
– sale e pepe q.b.
– pangrattato q.b., una tazza
– 1 cucchiaio di paprika
– erba cipollina essiccata o coriandolo o prezzemolo

Mettete a lessare le patate, partendo come sempre da acqua fredda, portando a bollore e poi a cottura. Sbucciatele e schiacciatele, quindi mescolatele fino a creare un composto omogeneo e morbido al quale aggiungerete sale, pepe, paprika e spezie.

Aggiungete anche la carne trita, regolate di sale e pepe e mescolate, amalgamando con le mani, e formate un impasto omogeneo.

Con l’aiuto di due cucchiai grandi, formate delle quenelle e rotolatele nel pangrattato. Potete, ovviamente, formare delle palline con le mani, ma l’impasto è appiccicaticcio e mi piace tenere le mani pulite … e poi la forma a quenelle è carina 😉
Allineatele su una placca da forno – anche rivestita con carta forno, per risparmiare tempo nel pulire ;-P – e cospargetele con un pò di olio extra vergine.
Infornate a 220° per circa 15\20 minuti, forno ventilato.
Un’insalatona fresca e … enjoy!

N.B. se preferite, potete, ovviamente, friggerle in olio caldo ad immersione, scolatele bene e via. ;-D

Adoro le polpette!! Voi?
E visto che spesso mi capita di cucinare con ciò che ho per le mani, ho aperto il frigo e ho creato…
e son pure buonissime, morbide e succulente! Garantito.
Relativamente leggere e veloci. Non c’è molto da spignattare e sono sfiziose come secondo piatto o finger food da abbinare a tante buone bollicine.
Vediamo gli ingredienti per 4 persone:
– 400 gr di carne macinata, io, lo sapete,  preferisco quella di maiale
– 2 melanzane lunghe medie
– prezzemolo tritato fresco q.b.
– pangrattato q.b.
– sale e pepe q.b.
– coriandolo macinato, se lo trovate fresco molto meglio
– 100 gr di formaggio tipo emmenthal o simile
– 1 spicchio di aglio facoltativo
– olio evo q.b.
Per primissima cosa, tagliate le melanzane in due per il senso della lunghezza e intaccatene la superficie, salate ed infornate per circa 20 minuti in forno caldo ventilato a 180°.

Intanto tagliate a cubetti il formaggio, tritate il prezzemolo ed unite alla carne macinata, sale pepe coriandolo e l’aglio privato del germe interno e schiacciato, se vi va.

Una volta cotte le melanzane, spolpatele con l’aiuto di un cucchiaio e tenetene solo la polpa che batterete al coltello.
Unite alla carne e impastate per bene, aggiungendo poco pangrattato se necessario, ma non rendete l’impasto duro.
Formate le polpette e rigiratele nel pangrattato. Rosolate in padella con olio extra vergine o friggete ad immersione o irrorate con poco olio e cuocete in forno, a voi la scelta.
Servitele calde calde ;-P

Capitano a tutti quei momenti di attacco di fame improvviso, calo glicemico, panico da stomaco vuoto … prepariamo uno snack al forno, sfizioso, da tenere di scorta per quei momenti?
Facciamo le chips di mais! Non le friggiamo ma le cuociamo in forno ed abbassiamo le calorie – quel tanto che basta per farci pensare che si tratti di uno snack ipocalorico ;-P – e poi così sono perfette anche per i bambini…magari le prepariamo insieme a loro!

Ingredienti:

– 100 gr di farina bianca
– 100 gr di farina di mais (io uso quella per polenta a grana media)
– 160 gr circa di acqua
– 4 cucchiai di olio (o usate quello di mais ma meglio, molto meglio l’extra vergine!)
– sale
– paprika piccante
– peperoncino

In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti secchi, miscelandoli bene – farina bianca, farina di mais, spezie)

Quindi mettete l’olio ed una metà dell’acqua a scaldare sul fuoco. Quindi mescolate il tutto aggiungendo altra acqua di quella tenuta da parte fino ad ottenere un composto tipo pasta di pane.

Stendete la sfoglia sottile sottile e tagliatela nella classica forma triangolare – o come vi pare –
Mettete in forno su carta da forno a 200° per 10 minuti.
Si conservano perfettamente in una classica scatola di latta 😉 Enjoy!!
Per un’aperitivo – finger food, accompagneteli ad una guacamole o a ketchup o salse a piacere

Restando in tema Feste, vi propongo una ricettina veloce veloce per un super aperitivo … gustoso, veloce, sfizioso.
Si tratta di biscottini fatti con una frolla al formaggio da abbinare a composte, gelatine etc. (io li abbino alla mia composta di pomodori verdi – come in foto – oppure alla mia gelatina di Aglianico IGT … una squisitezza!)
Serviteli anche a passaggio, cioè mentre accogliete i vostri ospiti per i primi auguri, le prime chiacchiere … il vero antipasto arriverà a tavola. Serviteli con delle bollicine: classico Prosecco o un rosè frizzante ma assolutamente italiani!
Passiamo subito agli ingredienti, pochi e quasi sempre in dispensa:

– 250 gr di farina
– 200 gr di formaggio – Grana Padano, Parmigiano Reggiano, Emmenthal –
– 160 gr di burro
– Sale e pepe q.b.

Sciogliete lentamente il burro a bagnomaria o nel microonde facendo attenzione a non farlo friggere!
Grattugiate molto finemente il formaggio scelto, anche con l’aiuto di un mixer.
Mescolate bene la farina setacciata ed il formaggio, salate, pepate – volendo potete aggiungere una spezia a piacere – paprika, peperoncino – o anche erba cipollina – ed unite il burro fuso.
Lavorate l’impasto sulla spianatoia, stendetelo ad uno spessore di 3\4 millimetri e coppate nella forma che più vi piace. Un classico cerchietto, elegante e sobrio – anche con un bicchiere – oppure stelline, fiorellini, alberi di Natale … ciò che più vi piace.
Ponete i biscotti sulla teglia foderata di carta forno ed infornate a 180° per 10 minuti, in forno statico.
Doreranno poco poco e … che profumo!!!

Qualche idea in più:
– fate l’impasto con l’emmenthal, formate dei “cestini” con l’aiuto di stampini per crostatine. Dopo cotti, riempiteli con funghi trifolati e amalgamati con pochissima  Besciamelle
– oppure riempite i cestini fatti col Grana Padano con una crema di formaggio fresco, poco yoghurt e prosciutto cotto di Praga
Riempite i cestini appena prima del ring del campanello e… inventate! Enjoy! 🙂

Arriva il Natale! Pranzi, cenoni … non mi addentrerò nelle ricette tradizionali: ogni famiglia ha la propria, inviolabile, ricetta tramandata da generazioni.
Chi mangia pesce il 24 e carne il 25.
Chi solo pesce, verdure cotte, crude, sottaceto … chi mangia al ristorante.
Qualche ideuzza ve la do anch’io, per antipasti sfiziosi o piatti alternativi magari da riservare ai giorni di festa non proprio canonici, per le cene con gli amici.
Qualcosa di “particolare” che dia subito un’aria di festa.
La prima è una sorta di patè o mousse che ho visto fare dalla Chef Viviana Lapertosa ed ho voluto riproporre … un antipasto coi fiocchi! Da servire in porzioni mono, un finger food.
Vi serviranno:
– pesce (anche avanzi!)
– panna acida o yoghurt
– erba cipollina
– 1 mela rossa
– bacon a fette sottili

Cuocete il pesce – io avevo della platessa, ma potete usare qualsiasi pesce ed anche degli avanzi.
Potete cuocerlo a vapore o in padella. Come preferite.
Fatelo raffreddare, assicuratevi che non vi siano nè pelle, nè tantomeno lische, e frullate per bene in un mixer aggiungendo panna acida o yoghurt fino a rendere il tutto ben cremoso.

Intanto avrete affettato la mela molto sottilmente e messa a disidrare in forno, a temperatura bassa – attorno ai 100° va benissimo – ci vorrà un pò di tempo ma dovrete ottenere delle sfoglie croccanti.
Stessa cosa andrà fatta con le fette di bacon. Quando saranno ben croccanti, riducetele in briciole o in polvere col mixer.

Componete il finger ponendo la “mousse” di pesce in un bicchiere – anche una coppa tipo Martini – quindi spolverate con il bacon e decorate con una fettina di mela.Aggiungete un bastoncino croccante al sesamo – o un grissino all’olio d’oliva – e … Enjoy!!  

Altro magnifico uso della pasta fillo! Un appetizer o un finger buonissimo: croccante fuori, morbido e succoso dentro.
Servitelo con delle bollicine e sarà perfetto come inizio pasto, garantito! 🙂

Procuratevi:
– pesce spada in fette
– pasta fillo
– pistacchi
– rucola
– olio, sale, pepe q.b.

Non vi ho dato le dosi perchè dipende da quanti ne volete fare, ovviamente.
Diciamo che per ciascun cubotto occorrerà 1\2 fetta di spada – gli “scarti” usateli per condire una pasta fresca – una manciata di pistacchi ed una di rucola, 1 foglio di pasta fillo piegato a metà.

Procedete ricavando un cubo (geometricamente parlando non è un vero e proprio cubo visto che è più basso che largo, ma ci siamo capiti) dalla fetta di spada.
Scottatelo velocemente in padella rovente con una lacrima d’olio … parliamo di secondi, chè poi va in forno.
Lasciatelo raffreddare un pochino ed, intanto, preparate il pesto, frullando assieme i pistacchi, la rucola e olio q.b.

Avvolgete il cubotto nella pasta fillo e mettete in forno a 200° fino a doratura.
Servite con la salsa preparate et volià!

Dall’epoca del caro vecchio antipasto all’italiana, tanto anni ’50 – quando la “fame” imperversava e la ripresa economica pretendeva piatti di un certo tipo, corposo, cicciosi e saporiti, almeno al ristorante – ne è passata di acqua sotto i ponti e di vino nei calici!!

Ma se abbiamo amici a cena – o se abbiamo voglia di trattarci bene, spendendo poco – cosa prepariamo?
Sapete che, essendo una donna che lavora, i miei tempi sono sempre ridotti e quindi anche le mie ricettine vanno fatte express e, possibilmente, con un occhio al portafogli.
Scoprite anche voi, con questa idea, la pasta fillo: ormai la si trova facilmente nei supermercati, nel banco frigo … magari chiedete per non dover scandagliare il banco in lungo e in largo.
Qualora non doveste trovarla, sostituitela con la pasta sfoglia.
Per 4 cannoli, procuratevi quindi:
– 1 confezione di pasta fillo
– 2 zucchine
– 1\2 melanzana
– 1\2 porro
– 100 gr di emmenthal
– sale pepe olio evo
Tagliate a dadini le zucchine e la melanzana e saltatele in olio caldo col porro tagliato a rondelle e sciacquato bene bene. Salate, pepate e lasciatele un pò croccanti: finiranno in forno e non vogliamo ridurle in pappa 😉
Frullate le verdure, dopo averle fatte raffreddare per un pochino, assieme al formaggio.
Stendete 2 fogli di pasta fillo uno sull’altro e ricavatene dei quadranti – 2 per coppia – Mettetevi un rotolo di impasto al centro e chiudeteli con l’aiuto di un pò d’acqua per sigillare i bordi.
Infornate a 180° per pochi minuti: fino a doratura.
Attenzione a tenere la fillo che non lavorate al momento sempre coperta perché secca prima che voi abbiate il tempo di dire quiche 😉

Ottimo antipasto, in dimensioni ridotte, ottimo finger after ring … per saziare la fame degli ospiti prima di sedersi a tavola.

Ingredienti:
– pasta sfoglia
– 350 gr di macinato di maiale
– 100 gr di provola affumicata
– pangrattato q.b.
– sale, pepe e olio evo q.b.
– 1\4 di cipolla
– 2 zucchine
– 1\2 peperone
Stufate la cipolla tritata finemente in poco olio evo, quindi aggiungete la carne trita e sgranatela bene schiacciando con una forchetta. Fate cuocere a puntino regolando di sale e di pepe.
Quando la carne sarà cotta, trasferitela in una terrina e fatela raffreddare.
Cuocete anche gli ortaggi tagliati a piccoli tocchetti in olio, regolate di sale e pepe.

Riducete la provola affumicata in cubettini ed aggiungetela alla carne fredda aggiungendo pan grattato fino ad ottenere un composto sodo abbastanza da formare delle polpettine. Aggiungete anche le verdure.


 

Spianate la sfoglia, tagliatene dei rettangoli e farciteli col composto. Arrotolateli su se stessi sigillando bene e mettendo il lato coi lembi sovrapposti verso il basso appoggiati sulla carta forno leggermente oleata.

Oleate anche la superficie, poco poco poco, ed infornate a 220° fino a che saranno dorati e croccanti.