Fermi tutti!! Siciliani in primis…lo so! La ricetta originale è quella delle sarde a beccafico!…lo so, lo so. Io ho voluto unire l’alice, più napoletana, ad una ricetta siciliana, per fondere le mie due anime, come sempre.
A Napoli, del resto si fanno le “alici in tortiera” … Nulla toglie possiate fare questo tortino con le sarde o eseguire la ricetta pedissequamente…alla fine vi dirò come.
Intanto, per sfamare 4 persone,  procuratevi:
– 500 gr di alici disliscate e pulite
– 250 gr di pangrattato
– 4\5 acciughe sott’olio
– 50 gr di pecorino romano grattugiato
– 30 gr di uvetta
– 30 gr di pinoli
– 1 limone
– olio extra vergine q.b.
– pirottini usa e getta

Sciacquate bene le alici e asciugatele con carta assorbente.

In una padellina antiaderente scaldate 4\5 cucchiai di olio extra vergine e fatevi dorare il pangrattato…attenzione che brucia facilmente!

Tenete da parte 3 cucchiai di pangrattato tostato ed in una ciotola unite il restante pangrattato, le acciughe sott’olio sminuzzate finemente, l’uvetta ammollata e strizzata, i pinoli tostati leggermente ed il pecorino. Unite bene tutto, aiutandovi con poco olio se necessario e NON salate!

Foderate gli stampini oleati con le alici aperte a libro tenendo all’esterno il lato della pelle.
Riempite la cavità con un paio di cucchiai di ripieno e richiudete le alici verso l’interno.

Irrorate con un cucchiaio di succo di limone, un filino di olio e poco pangrattato di quello tenuto da parte.
Infornate a 180°, forno ventilato,  per 15 minuti circa.
Servite caldo. Enjoy 🙂

PER FARE LE SARDE A BECCAFICO: Se avete trovato le sarde, apritele a libro, riempitene ciascuna con poco ripieno e formate delle sorte di involtini. Allineateli in una teglia alternandoli con foglie di alloro e, se vi piace, cipolla sfogliata, irrorate con succo di limone ed infornate…

Share Button