Un’altra festa è arrivata e sta andando via ma non posso esimermi dal condividere qualche idea, qualche foto, del buffet di Halloween: la notte delle streghe!
In realtà la festa nasce dal culto dei morti, protettori della famiglia. E, diciamoci la verità (soprattutto per chi denigra questa festa, che da noi è più una seconda edizione del carnevale ad uso e consumo dei piccoli – ma non solo!) in Italia questa tradizione pianta le radici già in epoca romana col culto dei Padri Penati, ossia gli Spiriti protettori di una famiglia che venivano trasmessi praticamente in eredità. In Irlanda il culto si mescola da secoli alla superstizione e risale all’epoca dei celti, dove il re delle tenebre a cavallo del nuovo anno – il 1° di novembre finita la stagione del raccolto, iniziava un anno nuovo – chiamava a sè gli spiriti dei defunti e li scatenava contro il popolo. Ma senza allontanarci troppo, anche in Italia troviamo tradizioni simili: a Palermo, città natale del mio papà, per le festività “dei morti”, il 2 novembre, i bambini ricevevano dolci e regali … Babbo Natale non esisteva mica!!? A Caserta e nel Beneventano si ricorda la leggenda del Mazzamauriello, un folletto casalingo che faceva scherzi e disturbava il sonno dei “coinquilini”, il Munaciello napoletano … tante e poi tante leggende e tradizioni tutte italiane che secondo me vanno riscoperte e fatte conoscere ai nostri bimbi…giocando e travestendosi, perché no?! 🙂
E ora … facciamo i biscotti? Ma si, dai! Due o tre infornate, il profumo di pasta frolla che satura la casa ed il benvenuto da scuola ai piccoli e dall’ufficio ai grandi è assicurato.
Munitevi di ingredienti, stampini ad hoc, sac a poche e voglia di fare: si parte! Se trovate le sacche usa e getta, ve le consiglio: ve ne serviranno varie soprattutto se usate tanti colori. Munitevi anche di bocchette lisce da scrittura di più dimensioni: per contornare, per riempire, per decorare.
Preparate la Pasta Frolla, stendetela allo spessore di 1\2 cm e procedete al taglio dei biscotti con le formine scelte.
Niente panico: se non trovate gli stampini, vi è venuta voglia all’improvviso e non ne avete di adatti, cercate qualche disegno sui libri dei bimbi, stampatelo da internet e fatene una sagoma col cartoncino. Un coltellino affilato, pazienza et voilà 🙂
Preparate anche una Glassa Reale e coloratela con coloranti alimentari.
Aiutatevi con le bocchette, come detto, o anche con uno stecchino di legno, per riempire le sagome.
Se gli attrezzi non ci sono, bisogna industriarsi, no? 😉 se non avete le sacche, usate cucchiaini, stuzzicante, le dita … 
Glassate tutti i biscotti e lasciateli asciugare per bene, almeno un paio d’ore. Se hanno una base uniforme successivamente arricchita di dettaglia, glassate il fondo, come per i teschi, lasciate asciugare benissimo, e poi procedete a decorare.
Non lasciatevi tentare dal far tutto e subito: sarebbe un pasticcio!!
Potete anche scaglionare le operazioni: 
– prima di cena preparate l’impasto e lo ponete in frigo
– dopo cena tagliate i biscotti e li infornate.
– il giorno dopo, decorate in vari step.
Gatti, streghe, pipistrelli … ma la zucca di Jack ‘o Lantern non può mancare 
🙂  booooooooo
Happy Halloween!!!! 
Share Button